LOADING

Type to search

Intervista a Davide Pezzenati, Project & Innovation Manager di Biolectric Italia

Silvia Icardi 2 mesi ago
Share

2009, Belgio: tre ingegneri giovani e brillanti, Philippe Jans, Jan Palmaers e Jonathan Schranwen, fondano Biolectric azienda che progetta, produce e installa impianti biogas alimentati a soli reflui zootecnici da cui si ricavano energia elettrica e termica.

Oggi Biolectric è una multinazionale che opera in 15 Paesi e al suo attivo conta l’installazione di più di 200 impianti in giro per il mondo.

Nel 2015, a Piacenza, il dott. Antonio Boiardi dà vita a Biolectric Italia. Oggi, con 13 impianti funzionanti sul territorio nazionale, l’azienda che è gestita da un team di una decina di persone ha vinto il Premio Innovazione Smau 2018 ed è in continua crescita.

Si occupa dell’intero ciclo di vita degli impianti di biogas: dalla loro ideazione e realizzazione fino alla fase di post vendita (manutenzione e assistenza). Si tratta di impianti di dimensioni ridotte, economici (alla portata delle tasche anche di piccoli allevatori), affidabili, la cui installazione non richiede più di tre giorni.

Questi i vantaggi ‘tecnici’, ma altri ‘verdi’ non sono da meno: cosa c’è di meglio infatti che utilizzare il letame prodotto dai propri allevamenti per ridurre le emissioni di CO₂, far diminuire drasticamente gli odori e soprattutto rendere la nostra azienda agricola indipendente da produttori e distributori di energia?

Abbiamo intervistato Davide Pezzenati, project & innovation manager di Biolectric Italia, che ci ha raccontato l’uso della carta prepagata Soldo Mastercard e come questa scelta si sia dimostrata vincente per una realtà giovane e dinamica come la loro.

bioletric italia

Dott. Pezzenati da quanto tempo utilizzate la carta Soldo?

Da circa sei mesi, da quando cioè si è iniziato a parlare più diffusamente della nuova normativa fiscale per il carburante. Il dott. Antonio Boiardi ha intuito la necessità di trovare una soluzione versatile ed efficiente per gestire le spese di trasferta dei nostri rappresentanti e degli operai sempre in viaggio su e giù per l’Italia.

Ad oggi, quante carte Soldo avete?

Per ora due, una utilizzata dagli operai delle manutenzioni i quali vi addebitano le spese di trasferta – benzina, vitto, alloggio, telefono – e una al nostro responsabile del commerciale che fa altrettanto.

Quali sono gli aspetti più interessanti di Soldo?

Certamente la possibilità di aver mandato in cantina gli anticipi di cassa con tutte le complicazioni annesse e connesse. Attivarla è stato semplice come anche impratichirsi con le diverse funzionalità. Ma il vantaggio maggiore è senza dubbio quello di poterla ricaricare velocemente. Nel nostro campo non sono rare, infatti, le occasioni in cui dobbiamo far fronte a spese impreviste.

Rispetto ad altre carte aziendali che vantaggi offre Soldo?

La nostra è un’azienda in crescita ma ancora molto giovane, priva di una storia consolidata alle spalle. Spesso gli istituti bancari pretendono una cauzione, attivano severi controlli sul bilancio o sulla dichiarazione dei redditi tutte operazioni che richiedono tempo, a volte settimane se non addirittura mesi. E non sempre realtà piccole come la nostra riescono a fornire tutte le garanzie richieste. Con Soldo non c’è nulla di tutto questo, insomma niente forche caudine bancarie. Le carte digitali Soldo sono funzionanti in pochi minuti, quelle in plastica sono recapitate in azienda nel giro di pochi giorni.

Con la nuova normativa carburanti è obbligatorio pagare la benzina utilizzando strumenti tracciabili e, dal 2019, sarà obbligatorio fornire fatture elettroniche. Pensate che Soldo sia utile in questa nuova prospettiva?

Certamente, è uno dei motivi che ci ha spinti a cercare online una soluzione adeguata. L’auto impiegata dai nostri operai è intestata alla società. Soldo ci ha permesso di andare oltre le schede carburante senza alcun rimpianto, al contrario. A differenza di certe carte carburante, con Soldo non si è legati a una specifica compagnia petrolifera e si può scegliere di fare rifornimento nella stazione di servizio più conveniente. A fine mese, questa libertà si traduce in un risparmio considerevole. Anche per l’amministrazione la contabilità si fa più semplice e chiara perché la rendicontazione è aggregata per categorie. Una comodità impagabile.

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *