LOADING

Type to search

Costo della benzina: qual è la carta migliore per pagare meno sul medio e lungo periodo?

Redazione Soldo 2 mesi ago
Share

Nella giungla del mercato delle carte carburante, scegliere l’opzione migliore può farti risparmiare tempo e denaro. La maggior parte delle carte ti consente, ad esempio, di rifornire a un numero limitato di distributori: quanto può influire a lungo termine sulle tue spese? Scopriamolo insieme sulla base dei dati.

I metodi di pagamento del carburante secondo la nuova normativa

Come già saprai il D.L n°79/2018 vieta i pagamenti in contanti e impone l’uso dei metodi tracciabili per detrarre i costi sul rifornimento e l’IVA, dal 1 gennaio non potrai più usare la scheda carburante e la rendicontazione cartacea sarà sostituita dalla rendicontazione tramite’ e-fattura emessa dal benzinaio. Ti conviene capire quale possa essere la scelta migliore per te o per le esigenze della tua azienda. Se invece hai già fatto la tua scelta, sei sicuro che sia la più vantaggiosa o c’è margine per risparmiare ulteriormente?

A partire dal 1° gennaio quindi niente più scheda carburante, ma quali sono le opzioni per sostituirla?

  • Una possibilità al momento del pagamento è utilizzare carte di credito/debito intestate all’azienda. In questo modo però la rendicontazione delle sole spese riguardanti il carburante può trasformarsi in un vero incubo per il professionista, l’azienda e il commercialista.
  • Un’altra possibilità è data dalle carte carburante, sul mercato ce ne sono diverse. Il loro vantaggio principale è quello di organizzare a fine mese tutte le fatture in un unico luogo, in modo da rendere la rendicontazione semplice e veloce. Le carte carburante presentano però degli aspetti che possono risultare fastidiosi ad alcuni, ad esempio come abbiamo visto in questo articolo, persino le carte carburante pensate per le piccole aziende come Multicard Easy di ENI anno tempi di attesa lunghissimi, requisiti burocratici insensatamente restrittivi, e non sono disponibili per lavoratori autonomi, liberi professionisti e titolari di partita IVA iscritti da meno di un anno alla camera di commercio.
  • Una terza possibilità è Soldo Drive. Soldo Drive mantiene i vantaggi di entrambi i metodi di pagamento analizzati più su senza presentarne gli svantaggi, una carta prepagata che ti lascia libero di rifornire dove vuoi (basta che il benzinaio accetti pagamenti su circuito Mastercard), la cui missione è rendere smart la gestione della rendicontazione.

Calcolatrice alla mano, quali sono le opzioni più convenienti?

Se la confusione in fase di rendicontazione rende l’uso di carte aziendali una scelta di ripiego, il risparmio derivante dalla libertà di poter rifornire ovunque non è così evidente. Calcolatrice alla mano, abbiamo fatto i calcoli per te e abbiamo concluso che Soldo Drive può consentire un risparmio notevole.

Facciamo un esempio concreto: immagina di essere in autostrada, la A4 Torino-Milano, stai tornando da un viaggio di lavoro e la spia del rifornimento si illumina. Quanto pensi di poter risparmiare avendo scelto Soldo Drive che ti permette di rifornire al benzinaio meno caro? Se consideriamo un’auto che va a benzina con un serbatoio di dimensioni medie, diciamo 40 l, Carta Soldo Drive consente, in questa tratta, un risparmio massimo sul pieno di 12,28 €.

Infatti il benzinaio più costoso sull’A4 , quello a cui andresti se avessi la carta carburante mycard Tamoil, prevede un costo per la benzina self di 1.969 €/l, mentre il benzinaio meno caro, quello a cui andresti con Soldo Drive, si attesta a 1.662 €/l. Moltiplicando entrambi per 40, e sottraendo il primo al secondo otteniamo 12,28 €, un risparmio netto di più di un sesto sul totale. In altre parole un pieno ogni sei è gratis! E non abbiamo considerato un percorso dove è presente una delle cosiddette pompe bianche, in tal caso il risparmio sarebbe ancora maggiore.

Se semplicità e risparmio sono importanti per te e per la tua azienda, Soldo Drive è la carta giusta! Qui trovi maggiori informazioni riguardo ai vantaggi di Soldo Drive in termini di rendicontazione e gestione delle spese 

Tags:

You Might also Like

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *